GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Vieste senza luce, gravissimi danni all’economia e all’immagine

1.025

Proteste e richiesta di immediata risoluzione dei problemi nei confronti di Enel e informativa al prefetto: sono queste le azioni messe in atto dal sindaco, Giuseppe Nobiletti, riguardo l’incresciosa e dannosa situazione relativa ai frequenti black-out che da alcuni giorni si stanno verificando nel centro abitato di Vieste

Una situazione gravissima, non solo a scapito dell’immagine della città (che non può permettersi figuracce del genere), ma soprattutto per i danni causati a strutture commerciali e turistiche e alle famiglie. Una situazione che perdura da alcuni giorni e a cui non si riesce a dare rimedio. La sospensione prolungata dell’energia elettrica in piena serata significa danni per centinaia di migliaia di euro che, probabilmente, mai nessuno rimborserà.

Eppure, durante lo scorso inverno-primavera sono stati effettuati importanti lavori in gran parte del centro abitato cittadino, con notevoli disagi per la popolazione. Era stato assicurato che il tutto avrebbe migliorato la situazione durante l’estate con l’aumento esponenziale di richiesta di energia. Invece, non solo così con è stato ma, a quanto pare, la situazione sembra addirittura peggiorata rispetto agli anni precedenti.

 “Sono tre giorni che il nostro centro abitato è vittima di blackout – ha commentato il sindaco Nobiletti sul proprio profilo social – che continuano a mettere in grande difficoltà le attività economiche creando ingenti danni. Ai titolari delle attività va la mia solidarietà. Chiederò un intervento del Prefetto di Foggia al fine di porre termine a questa situazione inaccettabile che crea anche gravi problemi di pubblica sicurezza”.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni