GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

ISOLE TREMITI -La rivolta delle compagnie navali: “La tassa di sbarco ci sta uccidendo”

871

In Italia aumenta tutto. Materie prime, alimenti, carburante. Tutto questo preoccupa e non poco gli operatori turistici del Gargano che temono ripercussioni sulla stagione delle vacanze. Sono preoccupati anche gli armatori che gestiscono il servizio di collegamenti marittimi con le Isole Tremiti. A preoccupare è la tassa di sbarco. “Dal 2017 – dicono dalla NLA di Peschici – il Comune delle Isole Tremiti, approvando il “Regolamento sul contributo di sbarco”, ha deciso di sostituire la “tassa di sbarco” con il “contributo di sbarco”. Tale tributo è alternativo alla tassa di soggiorno, versato dagli ospiti che soggiornano nelle strutture ricettive. Senza entrare nel merito delle scelte che hanno portato il sindaco, proprietario di diverse strutture ricettive, a propendere per il contributo di sbarco, vogliamo chiarire che la questione non è soltanto di sostituzione di un termine con un altro, ma che tale contributo ha consentito al Comune di avere maggiori entrate, potendo aumentare l’importo di 1 euro rispetto alla vecchia tassa di sbarco.
Ci permettiamo di fare i conti in tasca al Comune di Tremiti, perché il Sindaco ha dichiarato in una sua intervista che: “l’importo del biglietto, che costa in media € 50,00, copre abbondantemente alle società di navigazione il costo del viaggio di andata e ritorno”. E quindi in qualche modo egli ha deciso di fare i conti in tasca alle compagnie di navigazione, stabilendo se il costo del biglietto sia congruo o meno.
Ci chiediamo anche se, secondo il Sindaco, sia congruo il costo di € 25 a persona per il giro delle grotte o € 6 per il transfer da un’isola a un’altra che dura tre minuti o ancora se è congruo far pagare un caffè e una bottiglietta d’acqua 5 euro?
Molte compagnie di navigazione sopravvivono solo con i proventi derivanti dal costo del biglietto, non potendo contare su altri finanziamenti e riuscendo comunque a garantire un servizio puntuale, continuativo e sicuro. Ebbene dal 2017, cioè da quando è stato introdotto il contributo di sbarco, non abbiamo riscontrato alcun miglioramento, anzi potremmo dire che le condizioni sotto il profilo igienico sanitario e della mobilità sono peggiorate, inoltre mancano quei servizi essenziali per accogliere al meglio gli ospiti che sbarcano ogni giorno sull’isola. L’isola è sprovvista di bagni pubblici e gli ospiti sono costretti ad arrangiarsi come possono. L’ascensore che porta alla parte alta dell’isola di San Nicola risulta essere sempre fuori uso. Infine, il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti effettuato sull’isola risulta carente in ogni suo aspetto.
Ci auguriamo che il Sindaco delle Tremiti possa trovare il tempo e l’energia per affrontare e risolvere le questioni sopra elencate, avendo egli potuto nel tempo assicurare al Comune maggiori entrate finalizzate proprio alla risoluzione di tali problematiche.
Ad onor del vero, il costo complessivo del biglietto è di € 22,00 per l’andata, da cui va sottratto appunto il contributo di sbarco di € 2,50 ed € 18,00 per il ritorno per un totale di € 40,00. Ai costi del biglietto va poi aggiunto il contributo versato dalle compagnie di navigazione per l’ormeggio e il disormeggio.
Ma non ne facciamo unicamente una questione di costi, che pure in questo momento incidono pesantemente sulle vacanze degli italiani e sul servizio che le compagnie di navigazione svolgono, ma di decoro e servizi di qualità che dovrebbero essere offerti agli ospiti quando si chiede loro un tributo”.

Compagnia Navigazione Libera Adriatica – Peschici

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni