GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Da domani entra in vigore la legge: stop alla pesca di ricci di mare per tre anni

401

Per gli amanti dei ricci di mare il fatidico giorno è arrivato. Da domani scatta il fermo sulla loro pesca nei mari pugliesi per i prossimi tre anni.
La proposta di legge è stata approvata lo scorso 28 marzo dal Consiglio regionale ed è stata pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione lo scorso 20 aprile, quindi ha efficacia a partire dal 5 maggio.
“Si chiude così il cerchio di un iter complesso, partito dalla mia proposta di legge condivisa con pescatori, ricercatori e ambientalisti, ben accolta da tutti coloro che amano il mare e la natura, e sottoscritta dal presidente Emiliano e da 49 consiglieri regionali”, commenta il consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo de La Puglia Domani.
Si vieta la pesca dei ricci nei nostri mari per consentire il ripopolamento dei fondali a rischio desertificazione a causa del prelievo massiccio degli ultimi anni. La decisione è stata presa nella consapevolezza che non bastava più il periodo di fermo biologico di maggio e giugno, ma un tempo adeguato per lasciare ai ricci tempo e modo per riprodursi.
“Da alimento per pochi, il riccio di mare è diventato una moda gastronomica sempre più diffusa, alimentando un mercato ormai fuori controllo. Per un solo piatto di spaghetti con ricci di mare – spiega Pagliaro – ne servono almeno 25 esemplari, e non è stata più rispettata neppure la taglia minima consentita per il prelievo: sette centimetri di diametro”.
La legge, in ogni caso, non vieta di commercializzare ricci di provenienza extra regionale, ma solo la pesca.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni

404