GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Festa di Sant’Antonio, ringraziamenti e raccomandazioni del presidente del comitato

847

Mancano ormai poche ore alla festa di Sant’Antonio di Padova, che festeggeremo con solennità lunedì, 13 giugno. Innanzitutto voglio ringraziare i fedeli tutti per aver contribuito economicamente alla realizzazione della festa. Inoltre, ringrazio l’Amministrazione comunale, e l’assessore alla Cultura, Graziamaria Starace, per il contributo e per il sostegno alla buona riuscita di questa tradizionale festività, che la città di Vieste celebra da più di cinque secoli.
Ringrazio don Pasquale Vescera, rettore della chiesa di San Francesco, che con la preghiera ci sostiene e ci guida. Ringrazio il coro interparrocchiale, che ha animato con zelo le solenni tredicine.
Ringrazio la confraternita tutta, per l’appoggio e il duro lavoro svolto in occasione della questua. In modo particolare, ringrazio il priore, Francesco Antonio Vescera, il vice priore, Piero Maggiore, e i confratelli Tonino Trotta, Tonino Maggiore, Antonio Munno, Tommaso Munno, Francesco Munno, Michele Toto, Ignazio Silvestri, Giuseppe Demaria, Sergio Bruno. Ringrazio, inoltre, i collaboratori esterni, Salvatore Maggiore, Vincenzo Trotta, Mimmo Biscotti, Michele Grima e Salvatore Impagnatiello. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza la loro presenza, specie in un periodo come questo, dove la vita di ognuno diventa più frenetica per l’inizio della stagione estiva e, quindi, lavorativa.

Dopo due anni di assenza, causa Covid, possiamo finalmente festeggiare il Santo di Padova che ha una forte devozione popolare a Vieste, dopo quella della Madonna di Merino. Per questo chiedo alla popolazione di concentrarsi più sull’aspetto religioso, e non su quello folkloristico e popolare che, nonostante le varie difficoltà, siamo riusciti comunque a realizzare con il concerto di Fausto Leali e lo spettacolo pirotecnico.
Come comitato chiediamo alla popolazione di essere comprensiva durante la distribuzione del pane benedetto, perché diventi vero segno di fede e non un momento di caciara e confusione. Come ben si sa, oltre all’aumento del prezzo, la fornitura del pane quest’anno, causa chiusura di uno dei forni, è affidata solamente al panificio Ciuffreda. Inoltre, sempre per via delle norme anticontagio,  dovrà essere imbustato, causando così un ulteriore costo.
Buona festa di Sant’Antonio a tutti e grazie alla redazione di Garganotv per aver permesso ai tanti anziani e ammalati di partecipare alle varie funzioni religiose.

Il presidente del Comitato festività di Sant’Antonio di Padova –  Libero Guerra

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni