GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Molla tutto per girare l’Italia a cavallo, la singolare esperienza di Cristian Moroni

1.071

Una esperienza davvero “sui generis” quella che sta vivendo, da otto mesi a questa parte, Cristian Moroni, 40enne romano, con origini sarde. Sta compiendo, infatti, il giro d’Italia a cavallo, in groppa alla sua “Furia”, una maremmana di 16 anni, con la quale è ormai entrato in perfetta simbiosi.

Ieri Cristian è arrivato a Vieste e questa mattina è ripartito alla volta di Pugnochiuso, dove, grazie alla disponibilità della direzione, si fermerà per la notte, con l’assistenza di Roberto Bosco delle Gev Capitanata.

“Vivo alla giornata – ci ha detto Cristian nel corso di una intervista che vi proporremo nel Tg Gargano di stasera -. Non ho soldi e nessuno sponsor, ma ora sono felice”. Otto mesi fa ha deciso di cambiare completamente la sua vita. Aveva un lavoro normale. Di professione, infatti, faceva l’autista di mezzi dedicati a persone disabili e anziani. In più era anche organizzatore di eventi. “Ho un bel ricordo di Vieste – afferma Cristian – perché qui, alla discoteca “Mistral, ho organizzato un bellissimo evento. Mi ha fatto piacere passare davanti alla discoteca e ricordare quella magica serata”. Ma quella vita, troppo abitudinaria, ad un certo punto non lo ha più soddisfatto. Così, otto mesi fa, ha deciso di mollare tutto ed iniziare un viaggio per scoprire e visitare tutta l’Italia, “circumnavigandola” con la sua cavalla Furia.

Era il 24 maggio 2021, quando Cristian Moroni è salito in sella al suo cavallo e da Roccasecca dei Volsci, in provincia di Latina, ha iniziato la sua avventura lungo lo stivale. “Mi sono diretto prima verso Fiumicino e poi, verso Nord, senza mai lasciare più la costa sono arrivato fino a Ventimiglia. Quindi ho attraversato le Alpi per giungere a Trieste. Da qui, il mio viaggio è proseguito verso Sud, ed eccomi ora giunto sullo splendido Gargano”. Cristian lo abbiamo intercettato sulla spiaggia di Portonuovo. Lì, di fronte allo scenario incantato dell’omonimo isolotto, abbiamo scambiato con lui alcune battute.

“Il mio viaggio è un’avventura continua, completamente improvvisata. Fino ad ora ho sempre trovato persone con cui fare amicizia e che mi hanno ospitato e rifocillato. Voglio infatti ringraziare tutti per la generosità dimostrata.  Amo la natura, il silenzio, e per me è stata una necessità partire e cambiare vita, essere libero e finalmente felice con la mia fedele cavalla Furia. Non ho sponsor che mi sostengono economicamente, ho avuto solo il sostegno di un’azienda che mi ha fornito materiale tecnico e di un’altra attività che mi ha donato una sella idonea per le lunghe distanze. Il mio viaggio durerà ancora altri 5 – 6 mesi. Non voglio fare previsioni, ma conto di arrivare a Roccasecca, da dove sono partito, per fine agosto. Andrò fino giù in Calabria, per poi risalire lo Stivale. Non attraverserò le due isole, perché Sicilia e Sardegna faranno parte di un n uovo viaggio che intraprenderò fra qualche tempo”.

Buon viaggio Cristian. Buon viaggio Furia.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni