GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Profughi afghani: trasferiti al “Cara” di Foggia, tutti negativi al test antiCovid

591

Sono stati trasferiti nella serata di ieri, prima a Manfredonia (per l’identificazione  ufficiale) e successivamente presso il Cara (Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo) di Foggia, i 35 profughi di nazionalità afghana, intercettati l’altra notte da una motovedetta della Guardia di Finanza al largo di Vieste e poi fatti sbarcare nel nostro porto turistico. Tra loro, come si ricorderà, anche 11 bambini (tutti accompagnati), di cui un neonato, e nove donne.

I 35 profughi, prima del trasferimento, sono stati sottoposti a test anti Covid. Tutti sono risultati negativi, per cui si è potuto procedere al loro trasferimento da Vieste, dove sono stati assistiti e rifocillati, grazie alla disponibilità di ristoratori, esercenti pubblici, commercianti e semplici cittadini viestani che, ancora una volta, hanno manifestato grande senso di accoglienza. Particolarmente attive le varie associazioni di volontariato presenti nella nostra città,   dalla “Buon Samaritano”, che ha provveduto a rifornire i profughi (specie i minori) di vestiario, omogeneizzati, pannolini, alla “Pegaso”, assieme alla Croce Rossa della sede di Sannicandro Garganico, e allo stesso personale del Marina di Vieste, ove la barca a vela, battente bandiera bulgara, a bordo della quale i migranti sono stati intercettati, è stata fatta attraccare dal personale della Guardia di Finanza – sezione navale – che ha condotto l’operazione di salvataggio. Interessati alle operazioni di assistenza anche i carabinieri della locale Tenenza, la Polizia Locale e la Guardia costiera, assieme al personale del 118 che ha provveduto a verificare lo stato di salute dei profughi.

Intanto, la Guardia di Finanza ha attivato le indagini per ricostruire il percorso effettuato dal gruppo di afghani i quali, pare, sarebbero partiti a bordo dell’imbarcazione a vela, da un’isola della Grecia. Gli scafisti sarebbero stati individuati. Si tratterebbe di due ucraini, di 35 e 41 anni, entrambi sottoposti a fermo di polizia al fine di chiarire la loro posizione.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni