GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Buon Natale, Gesù

185

Signore Gesù, ritorna la festa del tuo Natale!
Sei venuto sulla terra nell’umile condizione di un bambino indifeso ed i tuoi angeli hanno annunziato la pace. Ma sono duemila e diciotto anni (circa) che non ancora riusciamo sempre e tutti a capire che il bene va donato mettendosi all’ultimo posto, nell’umiltà. La prepotenza non ha mai fatto bene a nessuno. E tu sei venuto a dircelo e a dimostrarcelo con la tua stessa vita che hai reso debole e povera sin dalla nascita. “E’ diventando piccoli che si diventa grandi, è diventando poveri che si diventa ricchi, è diventando deboli che si diventa forti, è morendo che si rinasce alla vita” (San Francesco).
Spesse volte vorremmo tutto, subito e senza alcuno sforzo. A volte, anche con la violenza. Ma proprio questa serenità interiore non dura perché il motivo della nostra autentica serenità sei solo tu.”Il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”(Sant’Agostino)
Ora donaci la tua pace o Signore! Permettici di capire che il sole è già alto e risplende da tempo e se siamo ancora nel buio è perché non abbiamo voluto aprire le nostre finestre al Sole della tua verità e del tuo amore. Il tuo amore e la tua pace ci hanno già raggiunto ma noi scioccamente ricerchiamo la serenità là dove non c’è e nelle ricchezze e nei piaceri comodi della terra.
Quanti, anche quest’anno, ancora si illuderanno e crederanno che Natale è solo festa di regali, di scorpacciate e di consumo?
Quanti crederanno che Natale è solo pia tradizione che si ripete di anno in anno con qualche piccola o grande novità?
Forse troppi Signore…
Tuttavia tu non ti stanchi e continui a venire nella povertà e a desiderare che il mondo si converta e ci esorti a non perderci di animo perché il bene trionferà veramente sul male e chi piange asciugherà le sue lacrime per sempre.
Allora ti aspettiamo così o Signore.
Vieni in questo Natale a ridarci speranza, a rafforzare il nostro coraggio e la nostra fede per essere anche noi pronti a venirti incontro, a seguirti ed essere veramente tuoi discepoli anche nelle incomprensioni, nello sconforto e nel dolore che questo mondo senza pace offre spesse volte all’umanità.
E Ti auguro che tu possa nascere davvero nel cuore di tutti noi. E che questi nostri cuori diventino accoglienti della tua tenerezza e del tuo amore. E li trasformino in accoglienza e nel rispetto di tutte le persone grandi o piccine, particolarmente di chi cerca un lavoro onesto e dignitoso e rispettino pure la nostra madre terra – casa comune in cui tutti abitiamo – e l’intera nostra bella città.
Auguri di buon Natale a te Gesù. E auguri a tutti gli uomini che sono amati da te.

Don Tonino Baldi

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni