GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Puglia, la Regione chiude il laboratorio analisi di Foggia, sindaco: Rischio congestione ospedali

85

Il sindaco di Foggia chiede un’immediata deroga della deliberazione con la quale la Giunta regionale ha disposto la chiusura del laboratorio di piazza della Libertà dell’ASL Foggia

Foggia – “La deliberazione con la quale la Giunta regionale ha disposto la chiusura dei laboratori di analisi territoriali, dirottando le ricerche di laboratorio presso le strutture presenti all’interno delle strutture ospedaliere, esige una correzione di rotta, sia sul piano del metodo sia dal punto di vista del merito”. E’ quanto dichiara in una nota il sindaco di Foggia, Franco Landella.

“Il laboratorio operante nella sede di piazza della Libertà dell’ASL Foggia, infatti – spiega Landella –  nei decenni è stato un costante punto di riferimento per l’utenza, in una logica vincente di sinergia con i laboratori di analisi della sanità privata. Una formula virtuosa, che ha saputo soddisfare i bisogni dei cittadini, specie di quelli affetti da patologie che impongono una ciclicità nelle analisi”.

Per il primo cittadino di Foggia “disarticolare un presidio così importante è dunque una decisione che non può essere condivisa”. Per questo Landella in queste ore ha chiesto ed ottenuto un incontro con il Direttore Generale dell’ASL, Vito Piazzolla, per discutere della deliberazione della Giunta regionale, “anche alla luce del rischio concreto di congestionare l’attività dei presidi ospedalieri, peraltro con un aggravio di costi”.

“Le proteste dei cittadini, che in queste ore si stanno moltiplicando, meritano un confronto con il territorio che nella fase istruttoria del provvedimento è del tutto mancato, come dimostra il fatto che questa decisione non sia mai stata esaminata dalla Commissione regionale di cui fanno parte i sindaci dei comuni capoluogo, nella loro veste di presidenti delle Conferenze dei Sindaci provinciali. Un organismo della cui istituzione – peraltro prevista dalla norma – il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha più volte sottolineato il valore quale luogo
di discussione con i territori, ma che, inspiegabilmente, dopo la prima riunione di insediamento non è mai più stato convocato”.

“Non nutro dubbi circa il fatto che la deliberazione dell’esecutivo regionale muova da considerazioni reali” precisa Landella. “Tuttavia è mio dovere chiedere una immediata deroga – come presumibilmente faranno gli altri territori pugliesi – per il laboratorio dell’ASL Foggia, con la conseguente apertura di una riflessione che entri nel dettaglio e nel cuore della questione, in modo che le esigenze della nostra comunità siano tenute nella debita considerazione, senza mettere i cittadini nella condizione di limitarsi a subire la decisione, partendo dal presupposto che il diritto alla salute non ha colore politico. E soprattutto perché la partecipazione ai processi decisionali è principio a cui bisogna dar vita sempre, non a fasi alterne. Tanto più quando si amministrano comunità e non aziende”.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni