GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Modifica delibera sul dimensionamento scolastico – Il sindaco risponde ai Democratici: “Richiesta piena di inesattezze e fuorviante nelle valutazioni”

286

studenti dimensionamento scolastico“In riferimento al comunicato del gruppo dei “Democratici” relativo alla richiesta di modifica della Delibera di Giunta comunale  n. 202  del 27/10/2017, risultano opportuni alcuni chiarimenti in quanto la stessa risulta piena di inesattezze e fuorviante nelle valutazioni.

In primo luogo, viene evidenziata la “soppressione di un’autonomia scolastica”. A tal fine giova ricordare al gruppo dei Democratici (al cui interno sono presenti operatori del mondo della scuola che dovrebbero conoscere le procedure di definizione degli organici) che la proposta di Piano di dimensionamento del Comune di Vieste per le scuole del 1° ciclo d’istruzione riguarda la richiesta di Istituzione di un unico Istituto comprensivo a partire dall’anno scolastico 2018/19.

Come i consiglieri ben sanno, l’autonomia di un’Istituzione scolastica viene determinata dall’organico di diritto per l’anno scolastico 2018/19 che prevede in modo certo, verificato ed incontrovertibile la presenza dal prossimo anno scolastico di n. 376 alunni in capo alla Scuola Secondaria di I grado. Questa Amministrazione con responsabilità, correttezza e trasparenza ha proceduto alla verifica della proiezione dei dati relativi alla popolazione scolastica, riscontrando, in un periodo medio – lungo, un dato compreso tra 370 e 380 unità e mai al di sopra o pari alla soglia minima richiesta dalla normativa per l’autonomia (400 alunni).  Ciò significa una Scuola secondaria di I grado sottodimensionata e non autonoma per sempre.

La Delibera di Giunta Comunale tiene così espressamente conto di quanto indicato dalle Linee di indirizzo per il dimensionamento scolastico e la programmazione dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2018/2019 emanate dalla Regione Puglia in data 10 ottobre 2017, in particolare:

  • la necessità di sostenere e privilegiare il processo di verticalizzazione delle istituzioni scolastiche del 1° ciclo in istituti comprensivi, a garanzia di una continuità educativa e didattica;
  • il parametro dei 400 alunni come limite minimo per l’autonomia;
  • il parere degli organi collegiali delle scuole interessate al dimensionamento scolastico (espresso ad ampia maggioranza dei voti validamente espressi per la Direzione Didattica e all’unanimità per la Scuola secondaria di I grado). Tale parere esprime, evidentemente, anche la volontà dei rappresentanti sindacali di Istituto presenti all’interno degli organi collegiali delle istituzioni scolastiche interpellate;
  • l’analisi e la lettura accurata dei bisogni formativi del nostro territorio;
  • la consistenza della popolazione scolastica nell’ambito territoriale di riferimento, dell’andamento di questa consistenza in ragione dei trend demografici, e dei flussi di mobilità volontari o indotti, rapportata alla disponibilità edilizia esistente.

Pertanto, nel ringraziare i consiglieri Cannarozzi e Prudente del loro contributo per una dialettica  politica costruttiva, si ribadisce con forza l’impegno dell’Amministrazione a tutelare i bisogni del territorio nell’ottica dell’interesse educativo generale”.

Il Sindaco – Avv. Giuseppe Nobiletti

 

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni