GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Confesercenti Innova Vieste – “L’infinita storia del suolo pubblico e delle inaudite tariffe Cosap decise dal sindaco Nobiletti”

139

occupazione-suolo-pubblico-La Giunta Municipale di Vieste con delibera n. 37 del 10 marzo 2017 ha aumentato/adeguato le tariffe Cosap relative all’occupazione di suolo pubblico per l’anno 2017, stabilendo in euro 3,80 la tariffa base giornaliera per mq. per le occupazioni temporanee ed euro 97,00 al mq per le occupazioni permanenti/annuali. (Tariffe pubblici esercizi). Ebbi già modo di rappresentare all’assessore di riferimento, per le vie brevi, l’evidente disparità delle tariffe cosap applicate sulle occupazioni temporanee rispetto a quelle permanenti in quanto paga molto di più chi occupa lo spazio pubblico per la sola stagione estiva, rispetto a  chi occupa lo stesso spazio per un intero anno solare. Al contrario di quanto determinato dal Comune di Vieste, le tariffe devono essere formate nel rispetto di determinati parametri, uno dei quali, il più semplice e banale, stabilisce che per più tempo occupi più DOVRESTI PAGARE.

Proviamo a fare due calcoli per verificare la veridicità di quanto sostenuto.  Ipotizziamo una occupazione per tutto l’anno di mq. 10 di suolo pubblico, richiedente un pubblico esercizio – ubicato nella fascia di “categoria prima” nel nostro Comune. La tariffa base deliberata per le occupazioni annuali è pari ad euro 97,00 al mq; quindi, l’importo dovuto al Comune per l’occupazione permanente di 10 mq è di euro 970,00. Deve essere segnalato, per completezza d’informazione, che nel caso di occupazioni permanenti/annuali spesso, per non dire sempre, il suolo pubblico autorizzato è occupato con manufatti edilizi di tipo chiosco/bar o strutture in legno, o realizzate con altri materiali, ma comunque chiuse e con un utilizzo esclusivo di detto spazio pubblico da parte del solo titolare dell’esercizio commerciale. Difatti, altro e diverso parametro per il quale le tariffe per le occupazioni permanenti dovrebbero essere sensibilmente più alte rispetto a quelle temporanee risiede proprio nel termine di raffronto al beneficio economico che ne trae il concessionario, in relazione al “sacrificio” imposto alla collettività per il c.d. utilizzo esclusivo del suolo. Proviamo adesso a calcolare la tariffa cosap per lo stesso pubblico esercizio, nella medesima zona e per lo stesso spazio (10 mq) ma per 180 giorni – esattamente la metà del tempo di occupazione rispetto a quelle annuali. La relativa tariffa base, stabilita dal Comune, è di euro 3,80 al mq. da moltiplicare per 0,50 (coefficiente di riferimento previsto per i pubblici esercizi) =  euro 1,90 al mq.

Di conseguenza abbiamo che:

euro 1,90 per 10 mq. per i primi giorni 30 = euro 570,00

riduzione tariffa del 30% a partire dal 31° giorno e fino al 60° giorno;

euro 1,33  per mq 10 per  i successivi 30 giorni = euro 399,00

riduzione tariffa del 70% a partire dal 61° giorno e fino al 90° giorno;

euro 0,57 per mq. 10 per  i successivi 30 giorni = euro 171,00

riduzione tariffa del 80% a partire dal 91° giorno e fino al 180° giorno;

euro 0,38 per mq. 10 per i successivi 90 giorni = euro 342,00

L’importo complessivo da pagare,  per 10 mq. per 180 giorni di occupazione temporanea è pari ad euro 1.482,00.

Quindi, succede solo a Vieste che: se un pubblico esercizio occupa stabilmente ed in maniera esclusiva mq. 10 di spazio pubblico paga euro 970,00 di cosap all’anno; mentre, se lo stesso pubblico esercizio occupa pari spazio (mq. 10) solo per 180 giorni paga di cosap euro 1.482,00.

Qualche luminare riesce a dare una spiegazione logica e giuridica per l’evidentissima disparità di trattamento?

Qualche consigliere comunale di buona volontà vorrebbe approfondire la questione rappresentata e tentare di ripristinare i sacrosanti principi di legalità ed imparzialità dell’azione amministrativa?

 

Confesercenti Innova Vieste

         Saverio Prencipe

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni