GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Vieste conquista per il secondo anno le 5 Vele di Legambiente

266

Vieste conquista per il secondo anno consecutivo l’ambito riconoscimento delle “5 Vele” di Legambiente – Touring Club Italiano. La consegna del vessillo questa mattina a Roma, presente la vice-sindaco e assessore ai LL.PP. e Urbanistica, Mariella Pecorelli. Quello delle “5 Vele” è tra i più ambiti riconoscimenti italiani in materia ambientale, frutto di una severa selezione da parte di Legambiente.
Oltre a Vieste, cinque vele anche per il mare di Nardò, che si classifica al secondo posto in Italia tra le località balneari premiate da Legambiente e Touring club italiano, e per Gallipoli.
In totale sono solo 21 i comuni turistici marini e 12 le località lacustri insignite con l’importante vessillo e premiati oggi a Roma in occasione della presentazione della guida “Il Mare più bello 2024“, curata dall’associazione ambientalista e dal Touring club. La guida raccoglie informazioni turistiche e caratteristiche ambientali dei comuni a Cinque vele, compreso l’impegno nella tutela delle tartarughe caretta caretta.
A guidare la classifica è Pollica, Acciaroli e Pioppi (Salerno). Poi Nardò, seguito da Baunei, in provincia di Nuoro. Quarto posto per la località Domus De Maria sul Litorale di Chia, sempre in Sardegna, e quinto posto per Castiglione della Pescaia, nel comprensorio della Maremma Toscana.
“Le località a cinque vele che premiamo quest’anno – ha dichiarato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente – confermano ancora una volta il grande lavoro e l’attenzione che molte realtà marine e lacustri stanno portando avanti nel segno della sostenibilità ambientale, anche alla luce della crisi climatica che avanza e che sta avendo impatti importanti sempre più sulla costa e sulle aree interne”.
Dal 2000, spiega il direttore generale del Touring club italiano Giulio Lattanzi “dedichiamo una guida al mare più bello d’Italia una mappatura geografica che fotografa le eccezionali ricchezze dei mari e dei laghi italiani e segnala le buone pratiche ambientali, amministrative, turistiche che contribuiscono a conservarle e a farle conoscere. Un itinerario che stimola la nostra capacità di sognare ma anche, anzi soprattutto, un vaglio rigoroso dello stato di salute dei nostri mari e dell’adeguatezza delle politiche ambientali”.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni

404