GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Dissequestrato il lido “Paradiso Selvaggio”: era stato acquistato legittimamente

1.867

Restituiti ai legittimi proprietari i beni – il noto lido balneare di Vieste ‘Paradiso Selvaggio’ con annessi bar e ristorante, terreni e case, nonché quote di due società commerciali ed alcuni conti bancari – sequestrati nel dicembre 2021 a carico di due fratelli di Vieste, Cinzia e Aldo Abbate. L’operazione era stata messa a segno dalla Guardia di Finanza, su richiesta della Procura di Foggia e dispositivo del Tribunale di Bari.
Dopo quasi un anno di processo, il Tribunale di Bari ha riconosciuto la legittima provenienza dei predetti beni, intestati ai fratelli Cinzia e Aldo Abbate, perché acquistati con redditi di lavoro documentati e percepiti dai predetti e dai loro genitori, nel corso degli anni.
E’ stato, così, escluso che i beni stessi potessero esser frutto dei pochi e non gravi reati ascritti all’uomo, fra il 1998 ed il 2008, dai quali reati, peraltro, non risultava che fossero derivati illeciti profitti, tantomeno in misura lontanamente corrispondente al valore dei beni.
L’avv. Paolo D’Ambrosio, che ha difeso i fratelli Cinzia ed Aldo Abbate, esprime “soddisfazione ed apprezzamento per il provvedimento depositato dal Tribunale di Bari nel dicembre scorso, frutto di una complessa attività ricostruttiva dei redditi ma la cui esattezza risulta conclamata dal fatto che non è stato impugnato dal pubblico ministero, consentendo il 17 febbraio scorso alla Guardia di Finanza di Vieste di restituire integralmente i beni ai legittimi proprietari”.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni

404