GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Attività della Guardia di Finanza: “sequestro anticipato” per 1,4 milioni di euro

985

Questa mattina, i finanzieri del comando provinciale di Foggia, su disposizione del Tribunale di Bari hanno eseguito un provvedimento di sequestro di prevenzione di beni immobili, compendi e quote aziendali, beni mobili e disponibilità finanziarie per 1,4 milioni di euro.
L’ordinanza di sequestro anticipato del Tribunale di Bari, disposto in accoglimento della proposta della Procura di Foggia, è l’atto finale di articolate indagini economico patrimoniali sviluppate dai finanzieri della Tenenza della guardia di finanza di Vieste, con il supporto del servizio centrale investigazioni sulla criminalità organizzata di Roma e il Nucleo di polizia economico finanziaria Gico di Bari, su un soggetto di Vieste a cui carico risultano plurime sentenze di condanna irrevocabili (per reati contro il patrimonio, occupazione abusiva di area demaniale, reato in materia di stupefacenti).
I finanzieri, sotto la direzione della Procura dauna, hanno condotto approfonditi accertamenti patrimoniali, all’esito dei quali è emersa in capo al proposto ed ai suoi familiari conviventi una disponibilità di beni il cui valore è risultato sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati/percepiti ed in generale alle fonti di sostentamento lecite proprie e del proprio nucleo familiare, tanto da far ritenere che siano il profitto di attività illecite o ne costituiscano il reimpiego.
È stata pertanto avanzata dalla Procura di Foggia una richiesta di applicazione di misure di prevenzione patrimoniali che il Tribunale di Bari ha accolto, ritenendo il proposto socialmente pericoloso e ordinando di sottoporre a sequestro, per un valore complessivo di € 1.397.023,00, una struttura ricettiva, di tipo residence per vacanze, a Vieste, uno stabilimento balneare di Vieste e l’intero capitale sociale e compendio aziendale di due società esercenti l’attività di stabilimenti balneari.
Ancora, quote societarie di un’impresa edilizia, un terreno di 2.838 mq, un immobile di 80 mq in agro di Vieste e un conto corrente e 9 depositi al risparmio riconducibili direttamente o indirettamente al soggetto proposto.
Si precisa che si tratta di un sequestro anticipato e che solo dopo la conclusione del procedimento di prevenzione, con la confisca, si potrà ritenere definitivamente accertata la provenienza illecita dei beni sequestrati.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni