GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, performance all’Istituto Comprensivo

168

In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, in riferimento alla Convenzione di Istanbul  e agli obiettivi dell’Agenda 2030  e nell’ambito delle attività di educazione civica, i ragazzi e le ragazze dell’ I. C. Rodari Alighieri Spalatro di Vieste, questa mattina hanno messo in scena lo spettacolo artistico- teatrale  “Libere di essere e di pensare”, ripercorrendo la storia delle donne dalla Preistoria ai giorni nostri, attraverso il potere della parola, della musica e delle arti raffigurative.

Dopo due anni di silenzio, gli alunni e le alunne hanno riempito l’auditorium di colori, riappropriandosi di uno spazio che è il cuore pulsante dell’Istituto.

Un percorso pluridisciplinare che li ha impegnati molto, non senza difficoltà e sempre osservando le norme anticovid, lavorando con passione e tenacia, imparando gli uni dagli altri, ascoltandosi sempre.

Gli alunni delle classi prime hanno allestito una mostra che ripercorre la storia delle donne dalla Preistoria ai giorni nostri, raffigurando l’arte rupestre che risale agli albori della storia dell’umanità grazie alla quale le  donne riuscirono ad esprimere con le immagini il loro mondo interno.

A seguire i quadri raffigurante Frida Kalo, magnificamente riprodotta dai nostri alunni, ci immergono in un mare di colori che esprimono forza e crudeltà, come crudele è stata la vita per questa straordinaria antesignana dei diritti delle donne . La sua arte è testimonianza di un successo raggiunto che la salva dall’essere considerata sia una “vittima” che un’“icona con disabilità”, a dispetto di una cultura patriarcale, di un marito infedele e di un incidente che avrebbero potuto alimentarne il mito di “eroina tragica”.
Il dolore rappresentato nelle sue tele non è mai tragico, caso mai sfrontato e vivido: Frida disegna l’intensità e la debolezza del genere umano.

Al termine gli alunni delle classi terze hanno omaggiato le donne di Kabul con la riproduzione dei quadri di Shamsia Hassani, street artist afghana, che fa dell’arte un forte strumento di denuncia.

Le sue donne, prive di bocca, urlano al mondo libertà, diritti, dignità. Attraverso le sue opere, Shamsia ritrae le donne afghane in un una società in cui l’universo maschile è completamente predominante. Le sue opere danno alle donne afghane un volto diverso, imbevuto di  forza, ambizioni e volontà di raggiungere obiettivi.

Grazie anche a questi lavori la Scuola vuole “lasciare un segno” negli alunni e nelle alunne affinchè siano capaci di relazioni responsabili e mature e rendano le donne capaci di essere e di pensare, liberandole da stereotipi che per secoli le hanno relegate ai margini della vita sociale sini all’annullamento.

Prof.ssa Eleonora Mafrolla

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni