GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Al via i lavori di dragaggio provvisorio all’imboccatura del porto

526

Hanno preso il via ieri mattina i lavori di dragaggio provvisorio all’imbocco del porto di Vieste (in attesa del progetto generale di dragaggio dell’intero bacino portuale per il quale si attende la definizione dell’iter presso la Regione Puglia).

Si tratta di lavori di livellamento di estrema urgenza, sollecitati dal locale Ufficio Circondariale marittimo “al fine di consentire il transito in sicurezza delle unità navali”. A realizzare il dragaggio è l’impresa specializzata “INMARE” s.r.l., con sede in Termoli, con l’ausilio di un attrezzato motopontone dotato di gru a bordo per escavazione del fondale.

Secondo quanto riferito dai tecnici del settore “l’insabbiamento del porto di Vieste risulta determinato dalle condizioni di predominanza del moto ondoso proveniente dalla direzione di NO, che comportano un accumulo di sedimenti all’imboccatura portuale provenienti dal litorale maggiormente a nord, i quali vengono poi sospinti all’interno dello specchio acqueo interno dalle inondazioni provenienti da NE”. Nell’urgenza, quindi, di ripristinare le condizioni minime di sicurezza, è stato predisposto un intervento di spostamento dei sedimenti all’interno dell’ambito portuale per ripristinare la funzionalità del porto. Tale spostamento riguarderà il canale di ingresso e interesserà lo spostamento di poco meno di 15.000 m2 di sedimento che saranno trasferiti in un’area di circa 7000 m2, individuata in prossimità del molo foraneo dell’isola di Sant’Eufemia. Un’area che si presta poiché le profondità tuttora presenti in zona non verranno alterate in maniera significativa dall’immersione dei sedimenti spostati.

I lavori avranno un costo complessivo di circa 250 mila euro (oneri di sicurezza e Iva compresi) derivanti da risorse del bilancio comunale che, come ha evidenziato in merito il sindaco, Giuseppe Nobiletti “solo grazie ad una ritrovata solidità finanziaria dell’ente abbiamo potuto reperire nel nostro bilancio le risorse necessarie per un intervento in somma urgenza che ha scongiurato il peggio”.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni