GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Diego Abatantuono, il “terrunciello” originario di Vieste, compie 65 anni

2.321


Dopo aver ottenuto delle piccole parti in “Fantozzi contro tutti” e “Il pap’occhio'” la prima vera parte da protagonista arriva con il film “Il tango della gelosia” (1981) di Steno, ruolo che gli fu affidato su insistenza di Monica Vitti. Film che decreta il successo del personaggio del “terrunciello”: è l’inizio di un’ascesa fulminea, che lo porta a replicare gesti e inflessioni nel giro di due anni in tante pellicole degli anni Ottanta per la regia di Carlo Vanzina e diventate dei veri e propri cult come “Una vacanza bestiale”, “I fichissimi”, “Eccezzziunale… veramente”, “Viuuulentemente Mia” e “Il Ras del Quartiere” oltre ad “Attila flagello di Dio” di Castellano e Pipolo. Negli anni successivi, con Vanzina lavorerà ancora nei più recenti “Eccezzziunale veramente – Capitolo Secondo… me”, “2061 – Un Anno Eccezionale” e “Buona Giornata”.
Abbandonato il personaggio che gli aveva dato il successo, è con Pupi Avati che arriva la svolta: il regista bolognese è infatti il primo a intuire le potenzialità di attore anche drammatico e gli fa interpretare il ruolo di Franco in “Regalo di Natale” (1986), con cui si aggiudica un Nastro d’argento, e il seguito “La rivincita di Natale” (2004) oltre a volerlo nei suoi film “Il testimone dello sposo” (1997), “La cena per farli conoscere” (2007) e “Gli amici del bar Margherita” (2009).
“Regalo di Natale” è un vero spartiacque e da lì parte la sua seconda vita artistica che gli consentirà di musirarsi con soggetti più impegnativi. Dopo aver interpretato ancora un ruolo drammatico in “Un ragazzo di Calabria” di Luigi Comencini, fonda una propria casa di produzione, la Colorado Film, con l’amico Gabriele Salvatores con cui comincia la sua lunga collaborazione con ruoli che lo consacrano definitivamente come attore di talento: “Marrakech Express” (1989), “Turné” (1990), “Mediterraneo” (1991), premiato con l’Oscar per il migliore film straniero, “Puerto Escondido” (1992), “Nirvana” (1996), “Amnèsia” (2002), “Io non ho paura” (2003) e “Happy Family” (2010), fino al recente “Tutto il mio folle amore” (2019).
Continua ad alternare ruoli brillanti e leggeri a personaggi anche fortemente negativi con grande facilità, una dote che lo consacra come uno dei talenti del cinema italiano. Partecipa così a pellicole di qualità di altri registi importanti come Carlo Mazzacurati (“Il toro”), Marco Risi (“Nel continente nero”), Giovanni Veronesi (“Per amore, solo per amore”), Ettore Scola (“Concorrenza sleale”), Mimmo Calopresti (“L’abbuffata”). Sul piccolo schermo, nel 2003 ha ideato il programma comico “Colorado Café”, in onda su Italia 1, conducendo le prime due edizioni.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni