GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

SPIAGGE E PANDEMIA – Lopalco: “Il documento Inail-Iss non è un protocollo obbligatorio”

823

“La sicurezza non può essere affidata alla distanza tra ombrelloni”. Il documento Inail-Iss sugli stabilimenti balneari, “non è un protocollo obbligatorio, ma sono indicazioni generali, sulla base delle quali è opportuno fare protocolli concreti anche valutando la fattibilità”. Lo ha spiegato Pierluigi Lopalco, responsabile del Coordinamento Regionale Emergenze Epidemiologiche Puglia.
La ratio che sta dietro al documento “è che la distanza necessaria in spiaggia è maggiore rispetto a quella che c’è in metro, perché in spiaggia si sta senza mascherina”. Ma bisogna “mettere su un sistema che arrivi a garantire un buon distanziamento, considerando che andare in spiaggia è un’attività all’aria aperta e c’è un sole forte che riduce l’attività del virus”.
In Puglia, ha concluso, “stiamo piuttosto prendendo in considerazione l’occupazione per metro quadro di ogni singolo bagnante, per capire quante persone possono stare contemporaneamente in spiaggia senza creare assembramenti”.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni