GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Importanti provvedimenti del Comune per rilanciare l’edilizia dopo il coronavirus

1.740

L’Assessore all’Urbanistica e Lavori Pubblici del Comune di Vieste, Mariella Pecorelli, ha reso noto che “con delibera n. 79 del 31/03/2020 la Giunta Comunale ha fornito indicazioni sulle modalità di applicazione della L.R. n. 33/2007 recante disciplina del “Recupero dei sottotetti, dei porticati, di locali seminterrati”.
Gli indirizzi consentiranno l’applicazione in maniera estensiva della legge su tutti gli immobili legittimamente autorizzati su tutto il territorio comunale, compresi gli immobili ubicati nelle Zone Territoriali Omogenee Agricole, dotati di urbanizzazioni primarie anche di tipo privato.
Con questo atto, insieme ad altre attività che si stanno mettendo in campo, ci si augura che, superata questa emergenza, possa esserci un rilancio del settore edile e quindi di una componente importante dell’economia locale”.

Di seguito il dispositivo della delibera di G.C. 79/2020:

D E L I B E R A
di fornire autentica interpretazione della L.R. 33/07 e sua graduazione comunale di cui alla delibera di C.C. 5 del 20.02.2012 stabilendo quanto segue:
– l’applicabilità della citata L.R. è estesa a tutti gli immobili legittimamente realizzati presenti sull’intero comunale, comprese gli immobili ubicati nelle Zone Territoriali Omogenee Agricole;
– l’applicabilità della citata L.R. è estesa anche a quegli immobili, che seppur non serviti da urbanizzazioni primarie o che non rientrino nella previsione da parte del comune dell’attuazione delle stesse nel successivo triennio, siano comunque dotati di idonei sistemi e/o impianti per l’approvvigionamento idrico e lo smaltimento di reflui liquidi e vi sia l’impegno degli interessati al loro adeguamento contestualmente alla realizzazione dell’intervento di ampliamento oggetto del permesso;
– di confermare l’esclusione dal campo di applicazione della L.R. 33/07, stabilita con delibera di c.c. n. 5 del 20.02.2012, le seguenti tipologie di immobili:
 edifici che confinano con aree pubbliche scoperte;
 edifici che presentano il calpestio del piano seminterrato a quota non superiore a metri 3,00 dalla quota piezometrica di escursione massima dal livello di falda (da documentarsi tecnicamente mediante presentazione di idonea relazione geologica);
e di stabilire che per gli edifici non rientranti nei predetti casi di esclusione, di consentire il recupero dei piani seminterrati ai fini residenziali, oltre che nel rispetto delle disposizioni di cui all0’art. 98 della L.R. 33/07 alle seguenti ulteriori condizioni:
 dotazione di un efficiente sistema di drenaggio delle acque superficiali sulle aree esterne e delle acque di scarico del fabbricato, che non comporti inconvenienti igienici e/o rischio di allagamenti del volume recuperato;
– di stabilire che l’interessato, qualora sia impossibile reperire in tutto o in parte aree da destinare standard pubblici come previsti dal D.M. 1444/68 e dal D.P.R. 380/2001 e ss.mm.ii,in alternativa alla cessione (totale o parziale), provveda al pagamento di una somma commisurata al costo di acquisizione di altre aree, equivalenti per estensione e comparabili per ubicazione e destinazione a quelle che dovrebbero essere cedute…”;
– di stabilire che l’interessato, in relazione ad interventi di recupero del sottotetto, qualora sia impossibile reperire in tutto o in parte aree da destinare parcheggi così come disposto dalla legge 24 marzo 1989 n. 122 (Disposizioni in materia di parcheggi), può chiederne la monetizzazione nei termini di cui all’art. 4, co.3, della l.r. 33/2007

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni