GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Quattro misure cautelari per militari della guardia costiera di Manfredonia e Vieste, falso ideologico e peculato

997

Le carte risultavano in regola, nonostante le imbarcazioni interessate non fossero state sottoposte ad alcun tipo di controllo. Così la Capitaneria di Porto di Manfredonia si è trasformata in una “fabbrica di bollini blu”, come definito dai magistrati.

Per questo motivo, a 27 uomini della Guardia Costiera sipontina viene contestato – all’esito una complessa indagine interna della Capitaneria di Porto, coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia – il reato di falso ideologico. Per il fatto, quattro persone – tre della Capitaneria di Manfredonia, uno di quella di Vieste – sono risultate destinatarie di misura cautelare (due marescialli sono agli arresti domiciliari, altri due militari sono stati sospesi dal servizio per 12 mesi), mentre altri 23 (di cui 9 civili) sono indagati senza interdizioni.

Tredici i casi accertati: si tratta di imbarcazioni che avevano ricevuto il ‘bollino blu’ (che attesta la regolarità dei natanti e delle relative dotazioni di sicurezza) senza essere state sottoposte a nessun tipo di controllo. Nel corso delle indagini, scoperto anche un medico accusato di aver rilasciato un falso certificato sanitario per consentire la partecipazione al concorso in Marina e un episodio di abuso di ufficio per un militare che aveva fatto spostare una imbarcazione di servizio dal porto di Vieste per ‘lasciare il posto’ alla barca di un amico.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni