GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Tornano i lampioni “storici” in piazzetta Petrone

400

Continuano gli interventi di manutenzione, ripristino e rifacimento della pubblica illuminazione cittadina. Gli ultimi due, come informa l’assessore ai LL.PP., Mariella Pecorelli, riguardano gli ampi giardini di via Giuseppe Verdi e piazzetta Petrone, nel centro storico.

Nel primo caso, è stato ripristinato l’intero impianto, obsoleto e spento per gran parte da diverso tempo, con grave pericolo anche per l’ordine pubblico, come molto spesso lamentato dagli abitanti della zona.  Ora, tutto l’ampio spazio a verde, che dalla scuola media don Antonio Spalatro si allunga fino alla sede della Tenenza dei Carabinieri, è stata nuovamente illuminata grazie a lampioni a led di ultima generazione i quali, oltre ad offrire una maggiore luce, consentono un risparmio energetico non indifferente in bolletta.

L’altro intervento, come si diceva, riguarda il nostro bellissimo centro storico, in particolare piazzetta Petrone e via limitrofe. Qui sono tornati, finalmente, i lampioni, mancanti da anni, a causa, spesso, di atti vandalici. Proprio in queste ore si sta provvedendo all’installazione di nuovi lampioni di tipo storico, i quali, oltre a illuminare, conferiscono al sito un arredo molto gradevole, come giusto che sia in un ambiente come quello.

Ci permettiamo di suggerire all’assessore Pecorelli, di ripristinare altri due lampioni, divelti da tempo, in largo Seggio, sul bel muretto a strapiombo sul mare. Anche quello sarebbe un ottimo recupero.

Intanto,  sono stati avviati i procedimenti burocratici per giungere, quanto prima, al ripristino della pubblica illuminazione in viale Federico II di Svevia, via Giovanni XXIII, via Spadolini.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni