GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Spari in pieno centro, ferito alla gambe giovane del luogo

2.269

Colpi d’arma da fuoco sono stati esplosi, oggi pomeriggio, in pieno centro a Vieste, all’indirizzo di un uomo di 34 anni, già noto alle forze dell’ordine.

Secondo una primissima ricostruzione effettuata dai carabinieri della locale tenenza, giunti immediatamente dopo sul luogo dell’agguato, il fatto è accaduto intorno alle 15, su corso Lorenzo Fazzini, nei pressi dei giardini pubblici. Vittima sarebbe Giovanni Cristalli, attinto, pare in modo non grave, agli arti inferiori. Pare, inoltre, che l’uomo fosse in compagnia di altri soggetti al momento del ferimento. Dopo gli spari, si è proceduto a trasportarlo al punto di primo intervento da dove, effettuate le prime cure, è stato trasferito in ospedale. Sul luogo dell’attentato i carabinieri avrebbero ritrovato alcuni bossoli di proiettili. Tutta la zona tra corso Fazzini, via Veneto e via Santa Maria di Merino, è stata circoscritta e chiusa al traffico veicolare e pedonale, per consentire agli investigatori di procedere ai rilievi.

Le indagini sono condotte dai militari dell’Ama di Vieste, in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Manfredonia e del Gruppo provinciale.

Di quanto accaduto oggi a Vieste, dove, purtroppo, si torna a sparare dopo un periodo di calma, colpisce la circostanza riguardante l’ora e il luogo della sparatoria: in pieno centro e in pieno giorno. Il sindaco, Giuseppe Nobiletti, appena informato dell’accaduto, ha dichiarato: “Ancora un ennesimo atto criminale in pieno giorno ed in pieno centro. La furia criminale non sembra avere termine. Mi rivolgo alle istituzioni tutte. Siamo stanchi abbiamo bisogno di risposte. Abbiamo bisogno di sicurezza”.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni