GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

VIESTE – Festa della vita alla Buon Pastore nel ricordo delle vittime viestane del terremoto

226

Sotto un cielo turbato spesse volte da una debole pioggia, si è svolta domenica 7 aprile l’ottava festa parrocchiale della vita. La pioggia non ci ha scoraggiato ma ha solo prodotto un parziale cambiamento dei luoghi in cui essa si è svolta: prima in Chiesa, poi sul sagrato della Chiesa ed infine nel salone auditorium parrocchiale.
Nel riferimento alla bellezza della vita – che va sempre accolta dal suo concepimento sino al suo naturale declino–è stato evidenziato che essa è sempre un dono di Dio che neanche la morte può distruggere.
Per questo abbiamo voluto innanzitutto fare memoria grata e commovente di una famiglia viestana interamente perita dieci anni orsono, la notte del 6 aprile 2009, sotto le macerie causate dal terremoto della città dell’Aquila e dell’intero Abruzzo, insieme ad altre centinaia di vittime.
Erano tutte donne: la mamma,Annamaria Russo di 40 annie le sue quattro figlie, Rosa di 17 anni , Micaela di 13 anni, Chiara di 11 anni e Giusy di otto anni. La loro abitazione era posta al secondo piano di una palazzina del centro storicodell’Aquila. Quel giorno l ’intera nostra città pianse e associandosi al dolore dei loro familiari – mentre fu dichiarato il lutto cittadino – partecipò commossa ai solenni riti funebri che avvennero il 13 aprile, giorno di Pasquetta e che furono celebrati proprio nella nostra Parrocchia di Gesù Buon Pastore e furono presieduti da Monsignor Domenico D’Ambrosio che era il nostro Arcivescovo.
La festa della vita è poi proseguita con una bella testimonianza della signora Michela Salvati che fa parte del Direttivo dell’Associazione “Angeli H”. La signora Salvati ha evidenziato lo spirito di questa associazione che aiuta a vivere e a conoscere e a valorizzare la vita a tanti ragazzi che – forse – altrimenti sarebbero poco considerati. E’ lo spirito cristiano dello sguardo rivolto al Signore che maggiormente considera cariproprio coloro che la società materialistica del consumo e dello scarto troppo spesso meno accoglie e meno considera.
Sul sagrato della Chiesa tantissimi palloncini colorati e contenenti messaggi di vita scritti dai bambini del nostro oratorio parrocchiale sono stati poi fatti volare verso il cielo. Questi hanno fatto corona ai 4 palloncini bianchi su cui erano scritti i nomi delle quattro ragazze e a uno rosso su cui era scritto il nome della loro mamma. Insieme, verso il cielo, per dire che – dopo dieci anni – noi non le abbiamo dimenticate e che la loro vita non è finita ma è solo trasformata ed è sorridente tra le braccia del Signore e della Vergine Santa verso cui anche noi – viventi quaggiù – siamo tutti in cammino.
Canti e balli inneggianti alla vita ed eseguiti dal piccolo coro e dal gruppo “Nastri e ritmi della Parrocchia” hanno infine chiuso in vivacità la nostra festa.

Don Tonino Baldi

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni