GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

L’Atletico Vieste punta in alto, oggi preserale con la Molfetta Sportiva

137

La straordinaria vittoria, in rimonta, di domenica scorsa ai danni della capolista Casarano, ha sancito lo stato di salute dell’Atletico Vieste, militante per il nono anno consecutivo nel campionato di Eccellenza pugliese.

Una vittoria, quella lucrata sui salentini, che ha consentito alla squadra di mister Bonetti di risalire velocemente la classifica, ponendosi a ridosso della griglia del play-off. All’iniziale svantaggio (frutto di un fatale incidente in area) il Vieste ha saputo conquistare la vittoria con due splendidi goal, uno del giovane e bravo attaccante campano, Sasà Raiola, e l’altro dell’esperto centrocampista, Angelo Colella, icona del Vieste.

Se il primo goal è scaturito da una azione da manuale (undici passaggi consecutivi, tutti di prima, senza far toccare palla agli avversari), il secondo è stato un vero e proprio eurogoal, che Colella è riuscito, con un botto di sinistro, a mettere in rete da trenta metri di distanza. Due segnature che, come si diceva all’inizio, hanno confermato lo stato di salute dell’Atletico Vieste, al quinto risultato positivo consecutivo.

“Qualcuno ha parlato di fortuna – argomenta Angelo Colella – riferendosi al mio goal, che ci ha consentito di guadagnare i tre punti. Forse un pizzico di buona sorte ci sarà pur stata, ma è il caso di sottolineare che non è la prima volta che segno in tal modo. Questo per dire che in campo ci metto tutta la mia buona volontà ed esperienza per fare sempre meglio e bene. Piuttosto – aggiunge Colella – è da sottolineare che la vittoria sulla capolista l’abbiamo conquistata e meritata per tutto quanto siamo riusciti a concretizzare nei 95 minuti di gioco, pur di fronte ad alcune decisioni arbitrali alquanto discutibili. Quello che ora dobbiamo essere bravi a fare – evidenzia il vice capitano – è il saper continuare a giocare come meglio sappiamo fare, come ci chiede il mister,  a cui va il merito di applicare un tipo di gioco che non abbiamo mai fatto nei precedenti campionati e che si sta rivelando vincente”.

E’ del tutto evidente che Colella, facendosi portavoce dei suoi compagni di squadra, spera che il “filotto” positivo continui. Anche oggi, in occasione della 12^ giornata,  quando si andrà in trasferta in terra barese, per affrontare   la Molfetta Sportiva del mister e patron Lanza, ultima in classifica, con soli 7 punti.

“La posizione di classifica – sostiene in merito Colella – non deve significare nulla. Squadre come la Molfetta Sportiva sono le più pericolose da affrontare, perché hanno necessità di fare punti, per cui si propongono con un gioco maschio e non proprio tecnico, come, invece siano abituare a fare noi. Quindi ci si può trovare di fronte a situazioni pericolose. Noi dobbiamo cercare di non cadere nel tranello, avendo l’obbligo di rispettare il nostro avversario che, va evidenziato, ha fermato squadre importanti, come il Brindisi, la Molfetta calcio di mister Giusto, o il Barletta. Quindi, nulla di scontato, anzi”.

Il match si disputerà in posticipo alle 18, sul rinnovato stadio “Paolo Poli” della cittadina barese.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni