GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Mons. Castoro: Accogliamo con gioia Papa Francesco che viene a trovarci

"Il Pontefice verrà per ribadire certamente la validità del carisma di Padre Pio per questi nostri tempi così difficili"

248

“È la notizia che allieta il nostro Natale di quest’anno”. Lo dice al Sir (Servizio Informazione Religiosa) mons. Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, commentando l’annuncio, divulgato oggi, della visita pastorale di Papa Francesco a San Giovanni Rotondo, il 17 marzo 2018, in occasione del 50° della morte di San Pio. Nella stessa giornata il Santo Padre si recherà anche a Pietrelcina. “Era una visita attesa – precisa il presule -, la conferma della promessa fatta da Papa Francesco incontrando i gruppi di preghiera di Padre Pio, il 6 febbraio 2016. Al termine dell’udienza che ha tenuto in piazza San Pietro, davanti a 80mila fedeli, figli spirituali di Padre Pio, Papa Francesco ha rivolto un augurio particolare ai fedeli dell’arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo: ‘Che chiunque venga nella vostra bella terra – io ho voglia di andarci! – possa trovare anche in voi un riflesso della luce del Cielo”’. Nel 2018, ricorda l’arcivescovo, “ci sono due ricorrenze: il centenario dell’apparizione delle stimmate di Padre Pio e il cinquantesimo dalla morte. Noi abbiamo ricordato al Papa questi due avvenimenti e Francesco si è detto subito disposto a venire”. Sabato 17 marzo il Pontefice “verrà per ribadire certamente la validità del carisma di Padre Pio per questi nostri tempi così difficili: sarà soprattutto un richiamo alla vita di preghiera – Padre Pio era un mistico -, e alla vita di carità perché ha fondato l’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza come attenzione verso gli ammalati e i poveri”.
“Noi – prosegue mons. Castoro – aspettiamo Papa Francesco con grande gioia. Già sto dando disposizioni alla diocesi affinché questo appuntamento non sia solo un evento coreografico, ma piuttosto un’occasione, saremo a Quaresima inoltrata, per una preparazione spirituale alla venuta del Papa e alla Pasqua”. “Aspettiamo la visita del Papa con grande apertura di cuore per lasciarci illuminare dallo Spirito e confermare nella fede dal Successore di Pietro”, conclude l’arcivescovo.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni