GarganoTv
L'informazione sempre a portata di mano

Referendum costituzionale – Le donne di Vieste per il SI’, sottoscritto documento

152

donne-si
Hanno aderito donne di diversa estrazione sociale e provenienza politica. Disoccupate, casalinghe, insegnanti, lavoratrici stagionali, studentesse universitarie, professioniste(fra cui medici, avvocata, commercialista, architetta) che ritengono di dare il contributo all’affermazione del Sì. Ecco il testo e i nomi delle firmatarie.

La riforma costituzionale, sottoposta al referendum del 4 dicembre prossimo, prevede un principio che non viene messo in risalto così come meriterebbe.
Si tratta dell’equilibrio tra donne e uomini nella rappresentanza nazionale e regionale ed è previsto negli articoli 55 e 122.
Nonostante molte più donne rispetto al passato siano protagoniste del mondo delle professioni, della cultura e della politica, è indubbio quanto scarsa sia la rappresentazione delle donne nei luoghi decisionali dove si esercita il potere politico.
L’equilibrio nella rappresentanza tra uomini e donne non è solo un principio di equità ma si traduce anche in un vantaggio economico. Numerosi studi internazionali ed autorevoli, infatti, dimostrano quanto la promozione della partecipazione delle donne e della parità di genere abbia un impatto positivo sullo sviluppo economico oltre che sulla qualità della vita dei cittadini.
Gli strumenti legislativi per superare il disequilibrio tra uomini e donne sono indispensabili.
L’esempio pratico di quanto siano utili le leggi per le pari opportunità abbiamo potuto verificarlo nella nostra cittadina in occasione delle ultime elezioni amministrative del 6 giugno. Infatti, senza la legge 215, che impone la presenza nelle liste di almeno un terzo di donne, non ci sarebbero state ben trentatré donne candidate e senza la doppia preferenza di genere non sarebbero state elette otto donne. Un risultato impensabile fino a poco tempo fa.
Votare Sì al referendum del 4 dicembre significa che nella nostra Costituzione, la legge più importante del nostro Paese, si introduce il principio di equilibrio fra donne e uomini nella rappresentanza.
Questo aspetto, oltre agli altri punti qualificanti della riforma, ci ha spinto, in quanto donne, a sostenere il Sì e ad invitare le nostre concittadine e i nostri concittadini a votare Sì per fare dell’Italia un paese più moderno, efficiente e con un passo avanti sul piano della civiltà.

• Carmela Cariglia

• Lea Carriero

• Federica Castagnetti

• Marinella Cellammare

• Milena Clemente

• Chiara D’errico

• Vittoria Dicandia

• Angelica Dirodi

• Maria Grazia Dirodi

• Grazia Falcone

• Gabriella Ferraraccio

• Annaluce Giuffreda

• Annamaria Giuffreda

• Patrizia Ida Grassi

• Tiziana Leto

• Anna Maria Lucatelli

• Giuseppina Lucatelli

• Grazia Maggiore

• Deborah Marchetti

• Chiara Masanotti

• Giulia Melchiorre

• Lidia Molinari

• Michela Pagano

• Chiara Ragno

• Anna Maria Russo

• Mariella Santoro

• Chiara Spalatro

• Ida Sicuro

• Maria Grazia Somarelli

• Rita Tantimonaco

• Cinzia Tonziello

• Sonia Totaro

• Libera Troia

• Marianna Troia

• OanaUngureanu

• Maria Consiglia Ventrella

• Frieda Verbeek

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “Maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su "Si, accetto" acconsenti all’uso dei cookie. SI, ACCETTO Maggiori informazioni